La terra di tutto e di più

19905076_674513472737409_7629488430946917925_nSempre durante il quarto anno, continuano gli esperimenti anche nella terra dei mammut, in cui continuano a coesistere le forme più tradizionali dell’agricoltura ‘ordinata’ con quelle più sperimentali e sinergiche dell’agricoltura ‘spettinata’18447249_645844615604295_7750848730765902526_nQuesta stessa terra, dove un tempo sorgevano i girasoli mammut, ora la stiamo popolando con tante belle cose. A inizio febbraio si parte con le fave, l’aglio, lo scalogno e le cipolle.18403305_645844648937625_7644532095720013564_nA marzo seminiamo piselli, ceci e cicerchia che, nel giro di poco, proprio mentre iniziano a trionfare impettiti, si vedono avviluppare dal basso finendo inesorabilmente nelle spire della cuscuta ( anche detta ‘la ragna’ ).SAMSUNG CAMERA PICTURESDa fine marzo cominciamo a seminare il mais, di varie varietà antiche recuperate in questi anni. Appoggiamo il chicco sulla terra e lo spingiamo a 30 cm in profondità aiutandoci con un cannetto di bambù tagliato all’altezza dell’internodo. Il foro si chiude da solo con il vento e la pioggia, lasciando una strada facilmente percorribile dal germoglio per arrivare alla luce.

In questo modo le piante di mais riescono ad essere un po’ più autosufficienti dal punto di vista dell’approvigionamento idrico, e in più riescono ad ancorarsi meglio al terreno. Colti da un raptus di sinergia, sulle stesse file aggiungiamo insalate e cipolle.mais2Le patate, anch’esse piantate a marzo in dei solchi profondi, a maggio sono già in rigogliosa fioritura. Coltivandole senza veleni, gli insetti affamati di foglie di patate si aggirano liberamente.SAMSUNG CAMERA PICTURESCon i primi caldi, i primi esemplari adulti di Dorifora resuscitano dal sottosuolo in cui giacevano letargicamente, iniziano a nutrirsi di foglie di patata mentre depongono le prime uova. Nel giro di pochissimo le uova si schiudono e milioni di larve voraci sprigionano la loro famelica ira ingorda, nutrendosi di foglie di patate, fino a diventare abbastanza grasse da trasformarsi in adulti.

Questo ciclo, se lasciato indisturbato, può avvenire anche 3 volte in una stagione. Successe questo durante il primo anno della terra dei Mammut, a causa di imperdonabili distrazioni, e tutte le file di patate a luglio erano già ridotte all’osso, completamente divorate. Quest’anno però, reduci da quell’esperienza, passiamo ogni mattina controllando pianta per pianta, rimuovendo manualmente uova, larve e adulti. SAMSUNG CAMERA PICTURESL’estate arriva. È bello vedere che la terra risponde.

Le insalatine nate dai semi riprodotti nell’orto entelekia l’anno scorso ci riempiono di orgoglio agreste. Le cipolline piantate da bulbino compero forse sono un po’ strettine lì in mezzo. Da maggio-giugno in poi il calore estivo ce le manda tutte nuovamente a seme, quindi questi sono gli ultimi caspi freschi e croccanti prima dei caldi infernali.18403580_645845382270885_2208055160269178494_nTra fine giugno e inizio luglio si inizia la raccolta dell’aglio, dello scalogno e della cipolla. Lo si fa asciugare bene e poi lo si intreccia con cura. È in qualche modo strano compiere questi gesti con così tanta naturalezza. L’orto lo facciamo da così poco tempo, eppure sembra di avere le mani nella terra da tutta la vita.

Una cosa meravigliosa che ci sta insegnando la terra è che nel pieno dell’estate è il momento di cominciare a muoversi per i raccolti invernali, e allo stesso modo è nel pieno dell’inverno che si comincia a piantare per i raccolti estivi. Così ad agosto iniziamo i trapianti di finocchi, insalate, cicorie, cavoli di ogni sorta.SONY DSCNello stesso periodo raccogliamo il mais. Non tutte le varietà sono arrivate a fruttificare, ma noi siamo felici per quelle che ci sono riuscite. Ne teniamo i semi preziosi che con cura saranno prima asciugati per alcune settimane e poi surgelati per 50 ore ( al fine di devitalizzare le uova di piccoli insetti che possono essersi infilati al loro interno ). Dopo un inverno nel vaso di vetro saranno pronti per la primavera prossima.

A settembre i trapianti iniziano ad ambientarsi. Purtroppo questo orto invernale non siamo riusciti a farlo con piantine autoprodotte. Il caldo feroce di quest’anno ci ha mandato a male ben tre ondate di semina. Ci siamo arresi e le siamo andate a comprare al vivaio.SONY DSCNelle file di radicchi, finocchi e cavoli crescono rigogliosi anche i pomodori dell’ultimo trapianto ( nati dai nostri semi ). Li abbiamo piantati tardi come esperimento, per vedere se arrivano a fruttificare anche con l’incombenza del freddo imminente.SONY DSCOttobre, l’abbondanza si manifesta nel ritmo rallentato di questo autunno che scivola verso l’inverno. Finalmente il caldo di questa estate è diventato un ricordo lontano. Finalmente si torna a respirare.

L’avventura di quest’anno ci fa sentire ricchi. Facciamo tesoro dell’esperienza fatta e delle comprensioni avute. Novembre è alle porte. Un nuovo anno sta per iniziare. SAMSUNG CAMERA PICTURES

contiua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...