Terriccio Universale fai da Te (tutorial)

Saper fare il Terriccio è fondamentale, e fortunatamente..

è Facile!

ma … Come fare?

Una buona Ricetta può fare la differenza tra un risultato Glorioso e uno Disonorevole.
In questo Tutorial vediamo Come Fare, a partire dagli ingredienti e dai principi essenziali per realizzare un ottimo Terriccio Universale con cui Onorare il Semenzaio ed il Vivaio domestico.

Bentornati nell’Orto Entelekia!

Oggi parliamo di come realizzare il Terriccio Universale, elemento indispensabile per coltivare piantine per Orto e Giardino in una logica di Gloriosa Autoproduzione

Cos’è il Terriccio?

Ebbene, il terriccio è una semplice MISCELA composta da più Ingredienti.

La tradizione contadina ci insegna la possibilità di realizzare un ottimo terriccio a partire da Umili Risorse messe a disposizione da un normale Ambito Rurale

Dall’alba dei tempi dell’agricoltura un ingrediente imprescindibile è certamente un buon Concime Organico:
che sia di origine animale come un buon letame maturo, o che sia di origine vegetale come un buon compost domestico

Ma perché il concime?

Qual è la sua funzione?

Proprio come noi, anche le piante sono organismi che hanno bisogno di nutrimento per crescere e per vivere in salute. Ed è proprio questo il ruolo del concime: mettere a disposizione Nutrienti Solubili immediatamente Disponibili per le piante

In questo contesto è importante osservare come il concime sia appunto una frazione ORGANICA del terriccio


Cosa vuol dire Frazione Organica?


Vuol dire che a monte del processo di alchemica trasformazione e decomposizione, c’erano risorse a base di CARBONIO, per cui tutto ciò che deriva dal regno animale e vegetale

Qui all’Orto Entelekia, come primo luogo dove andare a recuperare il concime organico abbiamo il Bambuseto, piccolo ecosistema colonizzato dalle nostre Giurassiche Galline; luogo in cui inevitabilmente vanno a sommarsi gli scarti vegetali, con le loro deiezioni

Ne deriva in fine un buon Compost che posiamo recuperare proprio dalla Lettiera del Bambuseto stesso

Come si può vedere però, la materia Grezza è appunto Grossolana

In questa fase è importante SETACCIARLA, e per questa semplice (ma efficace) operazione, tornano molto utili le cassette di plastica che possono garantire una setacciatura più o meno Raffinata in base alla griglia sul fondo della cassetta stessa

In questo caso preferiamo utilizzare un setaccio a Maglia abbastanza Fine, per escludere la maggior parte della frazione grossolana, destinando al terriccio la parte più raffinata, ovvero quella più decomposta, quella con più nutrimenti disponibili per le piante, quella con la granulometria un po’ più facile da mescolare con gli altri ingredienti

Il residuo che rimane intrappolato nel setaccio, non facciamo altro che ridarlo alla grande compostiera, in modo che – attraverso il flusso del tempo – anch’esso arriverà poi a decomporsi, diventando quindi il prossimo compost che utilizzeremo

a questo punto sorge la domanda:

Ma.. possiamo utilizzare

SOLO il Concime

per produrre le Piantine ?

effettivamente … NO

poiché un eccesso di nutrimento potrebbe facilmente Bruciare le radici e quindi comprometterne la crescita, o ancor peggio, la vita

Da qui nasce la necessità di Diluire la presenza di questo concime, inserendo quindi almeno un altro ingrediente, che la tradizione contadina ci insegna essere la Terra Madre, ovvero la frazione INORGANICA del suolo


Cosa vuol dire Frazione Inorganica?

Vuol dire che all’origine della decomposizione vi era la Roccia Madre, per cui una frazione esclusivamente costituita dalla componente Minerale (il mattone fondamentale della roccia)

La Terra Madre è quella che possiamo andare a identificare nell’orizzonte B della stratificazione del suolo classificata dalla pedologia

Oltre alla funzione di diluizione, l’elemento terra inserito nel terriccio, ha anche lo scopo di far AMBIENTARE le piantine fin da subito, fin dai primi momenti dai nascita e di crescita, a quello che sarà effettivamente il loro Habitat Definitivo.

Per questo risulta interessante prendere dei Campioni di Suolo da vari punti dell’orto in modo da ottenere una rappresentazione il più possibile veritiera di quello che è lo Stato Complessivo del Terreno.

Certamente, inserire questo ingrediente è in qualche modo anche un ‘moto di onestà‘ verso le piantine, cioè: coltivarle solo in un terriccio organico e nutrito, per poi trapiantarle in una terra inorganica e magari argillosa / pesante, sarebbe in qualche modo – se vogliamo – ‘sleale

Invece,

patti chiari e amicizia lunga

sappiate, o piantine, che questa parte del terriccio in cui vi trovate a nascere, è ciò in cui dovrete andare a vivere
Anche in questo caso è importante Setacciare questo ingrediente, proprio per escludere la parte più ‘cudalosa’, più troccolosa, e quindi più avversa all’attività biologica dell’apparato radicale di una pianta

Mantenendo così principalmente quella più Raffinata, più facilmente rimescolabile ed amalgamabile con gli altri ingredienti

C’è però da tenere in considerazione un fatto:

che Storicamente proprio a causa della Potenza del Nutrimento normalmente contenuto dal concime organico si è sempre preferito mettere un po’ meno concime e un po’ più terra madre, proprio per Evitare che le radici possano bruciarsi dall’eccesso di nutrimento

ma se la terra madre di partenza è troppo Pesante (limosa o argillosa) questo farà si che il terriccio alla fine tenderà a COMPATTARSI

e qui entra gloriosamente in gioco il terzo ingrediente

ovvero un elemento che ha principalmente lo scopo di DILUIRE la miscela, Migliorando entrambi i Punti Deboli di entrambi i primi due ingredienti principali.

Un componente perfetto per questo scopo è sicuramente la Torba di Sfagno Neutra (magari con aggiunta di un po’ di sabbiolina)

in questo caso, Neutro è un termine che si riferisce all’essere povero di nutrimenti, per bilanciare il concime, essendo però al tempo stesso fortemente organico, per bilanciare la frazione minerale

Volendo, si potrebbe anche scegliere di non utilizzare la torba, bensì, di autoprodurre delle sostanze organiche neutre, facendo decomporre ad esempio in autunno dei cumuli di Foglie Secche o di Cippato di Pura Legna, lasciandole riposare qualche mese, fino a completa decomposizione

è importante ricordare che raggiungere l’autoproduzione totale per gli ingredienti del terriccio è una cosa facoltativa, potenzialmente molto interessante da raggiungere nel tempo, ma è bene arrivarci poco alla volta.

A mio parere, la cosa più importante è comunque quella di darsi la possibilità di

vivere un’esperienza

mettere le mani nella terra, far nascere i semi, assistere al miracolo della vita e alla magia della natalità

questa è la cosa più importante, è questo che concretamente mi aiuta a connettermi alla terra e alla natura circostante, poi c’è tempo per migliorare nell’autoproduzione degli ingredienti, per cui ci tengo fin da subito a spezzare una lancia in favore della mediazione

non cè bisogno di sfociare in una rigida e inetta autarchia dicendo ad esempio

“farò il semenzaio solo quando avrò autoprodotto tutti gli ingredienti”

no, è adesso che succedono le cose, e non c’è tempo per rimandare

a questo punto è importante capire il discorso dei dosaggi

all’Orto Entelekia tendenzialmente mescoliamo questi tre ingredienti nel dosaggio 1/3 – 1/3 – 1/3, quindi circa il 33,3% per ognuno

ma i dosaggi effettivi si possono, anzi, si Devono registrare e quindi Modificare in base alle Necessità di ognuno

In presenza di un terreno inorganico particolarmente pesante o un concime organico particolarmente potente, avrebbe perfettamente senso Abbassare il Dosaggio di quell’ingrediente

Invece, in presenza di un terreno molto pesante E di un concime molto potente, di conseguenza dovrebbe Aumentare il quantitativo del Diluente organico neutro

il modo migliore per poter trovare il giusto equilibrio tra questi tre ingredienti è sicuramente quello di fare delle prove, e questa è una scelta o una responsabilità di ognuno

Per oggi è tutto, buon attimo presente e alla prossima

Seguono alcuni video di approfondimento sul tema Suolo e Semenzaio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...