Diario Dell’Orto – quinto anno – capitolo 11 (Novembre – Dicembre)

Non ci sono scuse.
Il tempo resta fermo, ma noi, al suo interno scorriamo sempre più veloci.
Le giornate continuano a durare mai più di 24 ore e quotidianamente l’attenzione viene riposta su un multiverso di realtà in costante aumento.

Ergo: non riuscendo a seguire tutto con la desiderata efficienza al momento ci ritroviamo a non aver ancora compiuto con risolutezza gli ultimi capitoli del Diario Dell’Orto Entelekia per l’anno 2018.
Con gli Hard Disk intasati di foto e video che non aspettano altro di essere sbobinati e messi in un ordine presentabile, per il momento riprendiamo il filo narrativo di questo quinto anno dell’Orto Entelekia inserendo cronologicamente i video realizzati nel mese di Novembre e di Dicembre,

rimandando al futuro il momento propizio in cui preparare in maniera adeguata gli articoli così come abbiamo fatto per i post precedenti.

In questo capitolo 12 siamo ancora al punto di coincidenza con la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo. Le ultime impronte dell’orto estivo cedono il passo alle popolazioni invernali. Nel fosso lungo la recinzione sud vediamo le radici di consolida maggiore produrre vigorosamente nuove foglie fresche, dopo il passaggio del trinciatore. Oltre a consolidare il terreno in discesa proteggendolo dalle frane, la consolida tappezzerà come pacciamatura viva tutto il versante del fosso adiacente all’orto, togliendo luce e spazio a tutte le altre erbe spontanee, o almeno questo è quello che speriamo. Inoltre sarà una fascia tampone sempre disponibile da cui attingere foglie per uso alimentare o per ingrediente da aggiungere alla stazione di compostaggio aerobico, o da usare come pacciamatura frescsa. Poi torniamo all’orto e vediamo che l’aiuola adiacente alla recinzione riattivata nel capitolo 11 sta già facendo balzi quantici incredibili. I piselli sono nati in maniera esplosiva e i radicchi si piazzano con decisione mentre l’aglio, lento ma deciso, si risveglia. Passiamo a un’aiuola dell’orto in cui stiamo osservando un fenomeno interessante: questa aiuola nacque nel 2014 come bancale rialzato di terra madre argillosa; nel 2015 e nel 2016 (periodo in cui pacciamavamo esclusivamente con paglia e residui degli ortaggi) lo abbiamo visto gradualmente abassarsi fino a tornare a livello terra, così come tante altre aiuole di quest’orto; da fine 2016 ad oggi (2018) abbiamo iniziato ad aggiungere alla pacciamatura anche foglie e cippato di legna, e in questo periodo abbiamo visto che alcune aiuole iniziano a rialzarsi spontaneamente per la lievitazione dovuta all’alchimia di umificazione grazie alla pacciamatura maggiormente biodiversificata. Così l’aiuola sembra iniziare ‘volontariamente’ un percorso verso il tornare ad essere un’aiuola alta, costituita questa volta non più da terra madre, ma da humus generato anno dopo anno, coltivazione dopo coltivazione. In questa aiuola presentiamo un pattern più fedele all’Orto Sinergico di Emilia Hazelip, che approcciamo cominciando da una distinzione semplice tra due aree: il centro e il bordo. Iniziamo dall’osservazione del bordo, dove il concetto di linea 2 e 3 ( dedicate alle piante da radice o da bulbo ) e il concetto di linea 2,5 ( dedicata alle piante da foglia o da fiore ) si fondono in due semplici linee in cui presenziano alternandosi a zig zag sia fiori/foglie e sia radici/bulbi. La parte centrale per adesso la descriviamo con una semplice linea ( la famosa linea 1,5 destinata sempre alle piante da foglia o da frutto ) in cui mettiamo i cavoli, vicino ai sedani che erano già presenti e rimangono molto a ridosso del bordo. L’aiuola ora è pronta per essere bombardata di semine di riempimento multivarietale e ad essere pacciamata con cippato autoprodotto. Se da un lato piantiamo in orto, dall’altro seminiamo in serra, cercando di sostenere un ritmo di produzione continua ( in questo caso di insalate ). Sempre in serra troviamo i frutti dei peperoncini che come addobbi profetici evocano un sentore natalizio crescente. Li raccogliamo e questa volta li mettiamo nell’essiccatore, per non fargli fare la fine dei primi raccolti che una volta intrecciati con amore e appesi in serra sono ammuffiti a causa degli imminenti giorni di pioggia e di guazza. In fine recuperiamo i semi di pomodoro che nel frattempo hanno compiuto la fermentazione e procediamo con il filtraggio per mezzo dell’acqua e della forza di gravità in sinergia con il principio di archimede. Filtriamo con un colino ( e se occorre risciacquiamo con acqua corrente ) e poi stendiamo il tutto su un piatto ad asciugare per qualche settimana.


In questo capitolo 13 iniziamo con la felice semina dell’aglione della Valdichiana, in compagnia dei nostri amici Alex e Laura che in questi anni ci hanno accompagnato molte volte nelle avventure dell’Orto Sinergico Entelekia.
Posizioniamo i bulbi lungo i bordi di tre aiuole non ancora riattivate, intervenendo delicatamente con la trivella manuale in concomitanza con la posizione destinata all’aglione: questo per demotivare simbolicamente i topazzi che hanno ricreato un complesso sistema di gallerie sotto le aiuole.
La speranza è quella di guastargli le suddette gallerie a favore dell’incolumità del nostro aglione adorato. In seguito passiamo a controllare lo stadio di crescita delle semine di riempimento propugnate negli scorsi capitoli e con piacevole sorpresa vediamo che la rucola va che vola!
Interveniamo tagliandola ( praticando il taglio più in alto rispetto al ‘cuore’ delle piantine ) svolgendo così un lavoro di manutenzione ( favorendo il passaggio della luce per le altre piantine come insalate, cavoli, piselli, aglio e cipolla ) ottenendo come ‘effetto collaterale’ uno straordinario raccolto di rucola fresca e vitaminica. Nell’aiuola accanto, avviata precedentemente, le insalate hanno già iniziato a svilupparsi e tengono testa alla rucola.
Avendo già bottinato con la rucola, da questa aiuola prendiamo delle foglie di lattuga a mungitura, ponendo il focus sull’importanza di queste due tecniche di raccolta:
– la raccolta da taglio e – la raccolta a mungitura entrambe preziosissime per la manutenzione efficace di un orto sinergico. Slittiamo ora in un’altra aiuola che riattiviamo, nell’ordine:
-tagliando a livello terra le erbe spontanee scapigliate -sistemando le piante ancora piene di buone intenzioni come i radicchi e i finocchi rinati dalla radice dopo essere stati tagliati in estate poiché erano andati a seme precocemente; ora infatti li rincalziamo sia per il piacere di valorizzare il loro impegno e sia per contemplare la libertà di poter compiere un gesto che prima di tutto testimonia a noi stessi un’importante capacità che stiamo sviluppando: andare oltre al nostro stesso approccio a volte estremamente rigido soprattutto per quanto riguarda l’applicazione dei principi fondamentali dell’Agricoltura Sinergica.
– ripiantando nuove insalatine seminate a inizio ottobre in serra e interrando profondamente le cipolle che hanno 1 anno di età, per lo sviluppo di ‘porrotti’ primaverili da raccogliere prima che vadano in fiore Resta solo da pacciamare, ma questo lo faremo a breve, per questa volta abbiamo finito e rientriamo in casa, contemplando i peperoncini raccolti negli scorsi capitoli che finalmente sono secchi e pronti per diventare un olio che ci lascerà a bocca aperta! Prima di salutarci però ci teniamo a sottolineare che il gesto del rincalzo, propugnato in questo video, non è un invito a infrangere i principi dell’Agricoltura Sinergica (come ad esempio “Non disturbare il suolo”), bensì è un pro-memoria, un invito a ricordarci che la cosa più importante è il sentirsi liberi.
Altrimenti che Libera Agricoltura Sinergica sarebbe? 🙂

 


In questo capitolo 14 vediamo la nascita di nuove aiuole nel terreno insediato dal bambuseto che quest’anno ha visto come protagonista il mais multivarietale nel progetto ‘culla genetica’. Dopo la raccolta abbiamo iniziato a preparare il terreno per ricavare delle nuove aiuole sinergiche con le tecniche presentate nel capitolo 1 e 2.
Durante le operazioni di dissodamento con la vanga forca troviamo i rizomi di bambù che tessono una fitta rete molto faticosa da guastare, ma con un po’ di pazienza e di perseveranza ad oggi siamo riusciti a liberare lo spazio per 3 aiuole di cui 2 ospitano l’aglio biancone di romagna e lo scalogno tondo.
Nella terza aiuola finalmente entrano in gioco i bulbi delle cipolle di Alife raccolti questa estate.
Li mettiamo a dimora lungo un solco che percorre tutta l’aiuola, posizionando i bulbi molto fitti. Richiudiamo il solco e speriamo bene, che tutto vada per il meglio. Manca solo da azionare il cippatore e produrre la pacciamatura triturando le potature delle siepi per coprire questa terza aiuola così come sono state coperte le altre due.
Prima però apriamo una parentesi sui semi di mais raccolti dall’esperimento ‘culla genetica’ che per noi è stato un vero successo.
Ebbene, le esperienze ci insegnano che non è sufficiente che il raccolto sia abbondante, poiché è altrettanto fondamentale la corretta conservazione delle sementi. A temperatura ambiente le sementi naturali che non sono state trattate con dei veleni dopo un certo tempo possono essere danneggiate da larve e/o insettini che si schiudono dal loro interno.
Oltrepassiamo la soglia della determinazione e agiamo per trasformare il problema in soluzione, così dapprima valorizziamo tutti i semi rimasti sani e intatti, poi li mettiamo sottovuoto e per ultima cosa li mettiamo in un luogo dove le temperature siano inferiori agli zero gradi centigradi.
Per il momento siamo sprovvisti di un congelatore così li teniamo fuori sotto l’influsso del gelo invernale, ma ci ripromettiamo presto di recuperare un congelatore appositamente dedicato alla conservazione dei semi.
E se da un lato ci occupiamo dei semi da salvare, dall’altro è arrivato il momento di occuparci dei semi da piantare. Siamo arrivati ai primi giorni di gennaio, iniziamo a seminare cavoli, lattughe, aromatiche, sedano, fiori, cardi, carciofi e altro, consapevoli che le basse temperature potrebbero tenere ancora in uno stato di dormienza i semi, ma confidiamo anche nel fatto che in serra quando c’è il sole sembra primavera, quindi forse qualcosa nascerà!
Questa semina ‘di capodanno’ qui a campomadre sta diventando una tradizione gustosa anche perché in base a ciò che nasce e a ciò che non nasce possiamo trarre informazioni importanti dal punto di vista del calendario fenologico. E’ un semenzaio, ma in qualche modo è anche un termometro che ci segnala l’arrivo reale delle giuste temperature per la nascita di una determinata varietà in un determinato momento.
Affianco a questo semenzaio vediamo di sfuggita anche il cassone realizzato recentemente dove ora insalate e scalogno iniziano a trovare il loro posto al mondo. Per concludere facciamo una carrellata su alcune delle aiuole avviate nel capitolo 11 e constatiamo che tutto sta andando bene. Le semine di riempimento di rucola tappezzano il suolo efficacemente. I cavoli, i sedani, gli agli, le cipolle e i piselli crescono lentamente ma inesorabilmente.
Le insalate invece ci forniscono un dato importante: laddove abbiamo scelto di trapiantare i radicchi stiamo vedendo che la crescita è meno rigogliosa rispetto a dove abbiamo scelto di trapiantare le lattughe.
In altre parole stiamo constatando che se ci si trova a fare dei trapianti di insalate in tardo autunno è propizio scegliere le lattughe al posto dei radicchi. Ridendo e scherzando si è compiuto un anno, tante cose sono successe e tante cose ancora devono succedere, ma in questo attimo presente sta succedendo la cosa più importante: arriva un respiro e con esso una nuova possibilità di essere felici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...